Menu

TopLogo-con-logo-nuovo

Regolamento

Regolamento


L'osservanza di queste norme è indispensabile per il buon funzionamento della Scuola. L'Istituto invita i genitori ad una stretta collaborazione affinché esse vengano rispettate.

Obbligo vaccinazioni (D.L.n.73 – 07/06/2017)
Si richiederà quanto previsto dalla normativa vigente.

Regole sanitarie
Per garantire a tutti i bambini il massimo del benessere è fondamentale che vengano rispettate le comuni norme sanitarie che possono impedire la diffusione di talune malattie e consentire una migliore qualità della vita all'interno della comunità.
E' buona regola motivare le assenze dei bambini, quindi raccomandiamo ai genitori di informare tempestivamente le maestre in caso di malattie che possano interessare tutta la collettività, nel rispetto della vigente normativa sulla privacy.

Abbigliamento e cambio personale
Le insegnanti invitano i genitori a vestire il/la bambino/a in modo pratico e comodo, evitando salopette, bretelle, cinture.
Per facilitare il cambio scarpe/pantofole, chiediamo di far indossare scarpe senza lacci ma con strappi. Per incolumità personale è vietato l'uso di collane, anelli ed orecchini.
Ogni bambino/a dovrà avere nel suo sacchetto personale il proprio cambio (che verrà posizionato nella sala igienica), contrassegnato da nome e cognome, completo di indumenti. I genitori dovranno avere cura di controllarne settimanalmente l'integrità.
Ogni venerdì verranno riconsegnati bavaglino ed asciugamano, che dovranno essere riportati al rientro a scuola. Invece le lenzuola verranno riconsegnate ogni 7 giorni. Tutto con contrassegno di nome e cognome.

Chiediamo a mamma e papà di...

• Portare o prendere il bambino/a in orario.
• Non entrare in classe o negli ambienti destinati ai bambini (sala igienica esclusa).
• Far sedere i bambini sulle panchine per cambiarli e non sugli armadietti.
• Aiutare il bambino/a a tenere in ordine l'armadietto.

La cucina
Il pranzo dei bambini è predisposto rispettando le tabelle dietetiche e gli alimenti sono preparati in conformità alla legge dettata dall'HCCP dalla cuoca, presso la cucina dell'Istituto, con forniture giornaliere.
Lo spuntino di metà mattina, fornito dalla scuola varia tra frutta, yogurt e torta. Ad ogni famiglia verrà consegnata la copia del menù invernale/estivo all'inizio dell'anno.
Le variazioni del menù, per intolleranze alimentari o diete particolari, devono essere richieste con certificato dal medico curante all’inizio dell’anno scolastico.

Orari della giornata
La Scuola dell'Infanzia – sezione primavera osserva i seguenti orari ai quali è d'obbligo attenersi nel rispetto dei bambini e dell'intera comunità.

• Pre scuola: dalle 7.45 alle 8.30
• Orario ingresso: dalle 8.30 alle 9.00
• Orario attività: dalle 9.00 alle 16.00
• Prima uscita: dalle 12.45 alle 13.00
• Ultima uscita: dalle 15.45 alle 16.00
• Dopo scuola: dalle 16.00 alle 18.00

I bambini potranno uscire dalla scuola solo con i genitori o le persone delegate, segnate sul modulo d'iscrizione dai genitori, che abbiano il documento di riconoscimento da esibire all’insegnante.

ORGANI COLLEGIALI
Per assicurare la partecipazione, l'Istituto utilizza gli organismi collegiali previsti dalla legge e dà vita a proprie strutture di partecipazione.
In questa linea operano:
La Comunità Religiosa ha il compito di favorire la creazione di un ambiente educativo familiare e sereno, in cui sia più facile coniugare la cultura umana con il messaggio evangelico. Essa garantisce l'identità della Scuola e ne assume la gestione.
Ad essa compete:
• la scelta, assunzione e preparazione dei docenti della Scuola;
• l'accettazione degli allievi/e che chiedono di essere accolti nella Scuola;
• l'impostazione della programmazione educativa;
• l'adeguamento degli ambienti e delle attrezzature necessarie al buon andamento dell'attività scolastica e formativa;
• l'amministrazione scolastica per un corretto funzionamento della Scuola.
• Le insegnanti sono sempre a disposizione per colloqui con i genitori

Il Personale Amministrativo ed Ausiliario a cui è affidato il servizio amministrativo, di segreteria, l'ordine e la pulizia degli ambienti e delle attrezzature, si impegna:
• a svolgere il proprio lavoro con intelligenza e professionalità
• a favorire un clima collaborativo
• ad aprire un dialogo con il resto del personale improntato sulla disponibilità costruttiva, testimoniando la dignità di ogni lavoro.

CONSIGLIO D'ISTITUTO
Gli organismi di partecipazione, proposti dalle disposizioni ministeriali ed applicati alla nostra realtà in modo libero, flessibile, dinamico sono costituiti da:
Consiglio d'Istituto
Collegio docenti
Consiglio di classe
Consiglio di interclasse
Assemblea di classe
La programmazione annuale scaturisce anche dal confronto con le componenti scolastiche rappresentate nel Consiglio d'Istituto, che validamente collaborano per l'arricchimento e la realizzazione degli obiettivi annuali, in modo particolare per quanto riguarda gli aspetti organizzativi.
Esso prepara una progettazione verticale che ha lo scopo di valorizzare la continuità tra i vari cicli scolastici attraverso attività comuni e condivise.
Il Consiglio d'Istituto è eletto annualmente da tutti i genitori e gli Insegnanti della Scuola, in ragione di due membri per ogni plesso, che eleggono il Presidente annuale.
Si riunisce ogni tre mesi o quando si ritenga che ve ne sia necessità.

COLLEGIO DOCENTI
Il Collegio dei Docenti è l'assemblea di tutti gli Insegnanti della scuola dell’Infanzia – sezione primavera. Esso stabilisce i criteri generali della programmazione educativa e didattica annuale e assume le relative delibere, anche in ordine ai tempi e alle modalità d'attuazione e verifica.
Si riunisce all'inizio dell'anno scolastico e una volta al mese come da calendario riunioni insegnanti.

CONSIGLIO DI INTERCLASSE
Mensilmente, si riunisce l'equipe degli insegnanti per fare il punto sull'andamento dello svolgimento del progetto scolastico, trovare dei punti di coesione e intersezione tra le varie discipline, trovare strategie condivise da applicare al gruppo, valutare i progressi e discutere delle situazioni comportamentali e di apprendimento degli alunni.

Guida il Consiglio l'insegnante tutor presidente d'interclasse, anche se è presente il Direttore.
Copia del verbale viene depositata in Direzione nel raccoglitore verbali scuola Infanzia – sezione primavera.


RAPPRESENTANTI DI CLASSE E STRUTTURE PARTECIPATIVE.
I rappresentanti di classe sono i primi e più diretti collaboratori del corpo docente per l'attuazione del Progetto Educativo. I genitori, ogni anno, ne eleggono due per classe, in base alla lista di coloro che si sono candidati.
Il compito dei rappresentanti di classe è essere promotori tra genitori, docenti e allievi di un dialogo sereno e aperto alle finalità educative e culturali della Scuola, studiando con loro proposte e problemi volti a realizzarlo, favorendo la partecipazione.
I rappresentanti di classe, nel promuovere iniziative di qualsiasi tipo o nell' inviare circolari si accorderanno preventivamente con il Direttore, responsabile ultimo degli orientamenti delle scelte educative della scuola e di tutta l'impostazione didattica.

Ultima modifica ilMartedì, 24 Luglio 2018 08:03
Torna in alto